Nonna Super Chef: La Seconda Puntata ha un finale scoppiettante…

Dopo la spesa nell’ ipermercato “Carrefour”, durante la prima puntata di Nonna Super Chef, le nonne hanno tutte gli ingredienti per iniziare. Torna, così, la seconda puntata, del talent show di cucina dedicato alle nonne. La prima prova di cucina si è svolta nel cooking-Lab dell’azienda “Pentole Agnelli”.

Le nonne chef sono pronte ed estremamente cariche per mettersi alla prova ed affrontare questa sfida nel migliore dei modi.  La preparazione del loro primo piatto si è svolta in 50 minuti.

nonna super chef la seconda puntata

Nonna Super Chef

La seconda puntata

Dopo il “via” del conduttore, Alessandro Di Pietro, le nonne partono con la preparazione di questo primo piatto mentre la giuria tecnica formata dagli chef Ezio Gritti, Michele Cannistraro e Giosiana Molinu inizia a valutare le nonne chef. Alcune di queste nonne però non prendono con filosofia i consigli fatti dagli chef anzi, la prendono un po’ sul personale, forse dimenticando che questo è pur sempre un gioco. Infatti, nonna Silvia del Lazio, non accetta minimamente un consiglio fattole dallo chef Gritti, dicendogli che non riguarda la sua terra dato che lui si intende di cucina bergamasca e non romana.

Al chè, Di Pietro, interviene, cercando di mediare nella situazione un po’ imbarazzante che si è creata tra i due, ma niente da fare, nonna Silvia non molla. Lo chef Gritti conclude dicendo che secondo lui la nonna Silvia lo ha preso di mira perché lui ha il camice bianco e quindi è uno chef e lei no. Insomma la competizione ci sta, ma l’impertinenza un po’ meno.

A dare la propria valutazione non sono solo gli chef ma anche la cosiddetta “giuria di simpatia” così definita dal conduttore. La giuria di simpatia ha il compito di osservare, indagando e cercando di capire come le nostre nonne cucinano, se ci mettono la passione e l’amore nella realizzazione del dei loro piatti.

Da casa abbiamo potuto vedere la preparazione di una grande varietà di primi piatti: dagli i gnocchi alle noci della nonna del Piemonte ai passatelli dell’Emilia Romagna, dalla matriciana del Lazio alla pasta alla norma della Sicilia, dal riso patate e cozze della Puglia ai passatelli napoletani della Campania, dalla pasta con cozze e canocchie delle Marche a risi e bisi del Veneto e ancora il cialson con gnocchi del Friuli-Venezia Giulia, gli “gnudi con sugo scappato” della Toscana e gli spaghetti alla chitarrina dell’Abruzzo, da leccarsi i baffi insomma!

Questi piatti hanno lasciato davvero senza parole anche tutti i componenti della giuria che si sono riuniti nel “pensatoio” per decidere quali nonne sarebbero passate ai quarti di finale.

Tra le nonne escluse anche la nonna Veronica del Veneto che, però grazie al suo jolly conquistato nella prima puntata, è potuta rientrare in gara a scapito di un’altra concorrente che diversamente sarebbe passata ai quarti di finale. In definitiva, le nonne passate ai quarti di finale sono: nonna Giovannella della Sicilia, nonna Paola della Toscana, nonna Loredana della Campania, nonna Sterpeta delle Puglie e nonna Alice della Lombardia a cui si è aggiunta nonna Veronica del Veneto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *